L’uomo, residente a Trento, acquistava calcio balilla per conto di proprietari di bar e sale da gioco sparsi in tutta Italia. Le prenotazioni partivano dal reparto vendite del grande magazzino Olivero.it

Rimini, 23 maggio 2011 – Si divertiva, ma ancora non si capisce il perché, a ordinare on line, a nome di ignari proprietari di bar e sale gioco sparsi in tutt’Italia, calcio-balilla con pagamento alla consegna. Ordini effettuati presso il reparto vendite online del noto grande magazzino di Misano Adriatico, Oliviero.

La polizia di Stato, Sezione polizia postale e delle comunicazioni di Rimini, al termine di complesse indagini telematiche, lo ha scoperto e denunciato per truffa continuata. Si tratta di un trentenne campanao, M.M., residente a Trento.

In sostanza, il reparto vendita online di Oliviero, una volta ricevuto l’ordine, procedeva a spedire il materiale all’indirizzo indicato non sospettando assolutamente nulla poiche’ gli esercizi pubblici erano realmente esistenti. La sorpresa arrivava quando il corriere si presentava presso il bar di turno per scaricare il calcio balilla: la maggior parte dei clienti non aveva ordinato la merce.

In totale, sono oltre un centinaio gli ordini fantasma effettuati da M.M., che quando si e’ visto piombare in casa gli uomini della polizia con un decreto di perquisizione, si e’ giustificato asserendo che aveva soltanto provato ad effettuare degli acquisti online. Nel corso della perquisizione, effettuata con i colleghi di Trento, gli investigatori hanno rinvenuto e sequestrato la sim card, l’internet key ed il notebook utilizzati per effettuare gli ordini fasulli.

Gli specialisti della polizia di Stato sono giunti a M.M. tracciando i migliaia indirizzi IP delle connessioni internet utilizzate per effettuare gli ordini per i calcio balilla.

Fonte:http://www.ilrestodelcarlino.it/rimini/