La località balneare più virtuosa é Rimini, con 13 ‘Bau beach’ o spiagge ‘Animal friendly’: tratti di costa attrezzati e ospitali con i turisti a quattro zampe, che accolgono cioé gli animali domestici con i loro ‘padroni’. A tutt’oggi queste spiagge sono una settantina in tutt’Italia, ma è l’Emilia Romagna a trionfare con una trentina di splendide spiagge: oltre a Rimini, sei si trovano a Comacchio, quattro a Cesenatico, due a Ravenna, una a testa a San Mauro Pascoli, Riccione, Cattolica. E’ il risultato di un’azione portata avanti con determinazione dal ministero del turismo condotto dal ministro Michela Brambilla. Meta dei bagnanti che “giustamente non vogliono separarsi dai loro beniamini nei momenti di vacanza” anche la Toscana. Subito dopo viene la Liguria, con otto spiagge, la Sardegna, il Lazio, le Marche con quattro ciascuna. Con tre spiagge ‘Animal friendly’, ci sono invece il Veneto, con due la Puglia. Bau beach con punti di ristoro hanno anche tre regioni distanti dal mare quali il Trentino Alto Adige a Ledro, il Piemonte a Dormelletto, la Lombardia a Perledo. La consuetudine di tenere in considerazione i turisti a quattro zampe coi loro padroni è data in espansione: il ministero ha infatti predisposto un’ordinanza tipo per la costituzione di aree Animal Friendly destinate agli animali d’affezione. L’ordinanza stabilisce che alla Bau Beach “possono accedere alla spiaggia esclusivamente i cani regolarmente iscritti all’anagrafe canina”, che “possono fare il bagno in mare nello specchio acqueo antistante la zona sopraindicata sotto il controllo e con la responsabilità del proprietario/detentore” e che “qualunque deiezione degli animali stessi deve immediatamente essere rimossa a cura del proprietario/detentore munito di paletta/raccoglitore e riposta negli appositi contenitori”. L’azione del ministero, ha detto Brambilla, è finalizzata tra l’altro a ridurre il problema degli abbandoni estivi. I Comuni che agevolano l’accesso degli animali domestici negli uffici pubblici, nei pubblici esercizi e sui mezzi di trasporto e nelle spiagge loro dedicate sono individuabili sul sito http://www.turistia4zampe.it del ministero del Turismo.

fonte: http://www.altarimini.it